Anche Lego strizza l’occhio al 3D - Fare3D
2161
post-template-default,single,single-post,postid-2161,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,columns-3,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-12.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.2,vc_responsive

Anche Lego strizza l’occhio al 3D

Anche Lego strizza l’occhio al 3D

Tra le aziende che credono alla stampa 3D c’è anche Lego. Il colosso danese dei giocattoli, famoso per i suoi mattoncini assemblabili, ha recentemente dichiarato al Financial Times, tramite il suo chief financial officer John Goodwinche, di stare valutando attentamente la tecnologia 3D: «Potrebbe essere un’opportunità la possibilità che ognuno stampi i propri mattoncini» sostiene Goodwin.
Attenzione, l’azienda non sta per introdurre le stampanti tridimensionali nel suo processo produttivo, ma ammette come le stampanti 3D siano possano aprire molte strade. Una curiosità: per creare un legame più stretto con i propri consumatori, Lego ha creato un sito Internet ad hoc, dove  gli appassionati possono presentare le proprie creazioni, al raggiungimento dei 10.000 voti i pezzi entreranno in produzione.