I vasi sanguigni ora si stampano in 3D - Fare3D
3012
post-template-default,single,single-post,postid-3012,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,columns-3,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-12.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.2,vc_responsive

I vasi sanguigni ora si stampano in 3D

I vasi sanguigni ora si stampano in 3D

Che la stampa 3D fosse in grado di rivoluzionare il mondo si sapeva. Ciò che non si sarebbe potuto immaginare è che accadesse così velocemente.
Un team di ricercatori dell’università di Sydney, in collaborazione con MIT, università di Stanford e Harvard, è riuscito a riprodurre delle sottilissime fibre sintetiche che, interconnesse, replicano il nostro sistema di vasi sanguigni.
Questa struttura è rivestita con un materiale composto da proteine e cellule solidificate grazie alla luce. Alla fine del processo, le fibre che fungevano da impalcatura, sono state rimosse per lasciare una rete di minuscoli canali ricoperti di cellule umane in grado di auto-organizzarsi per creare, in meno di una settimana, dei capillari sanguigni.
La vera sfida nella creazione di organi e tessuti di grandi dimensioni è quella di trovare il modo per stampare parti del sistema circolatorio. Le cellule necessitano di ossigeno, sostanze nutrienti e un sistema di eliminazione degli scarti, per questo motivo un sistema funzionale di trasporto è indispensabile per la produzione di tessuti e organi.
Il risultato del lavoro di questo team è incredibile, come conferma anche lo scienziato Bertassoni: “è un passo da gigante, ma siamo ancora lontani dalla fabbricazione di organi su ordinazione. Il traguardo è potersi recare in ospedale e procurarsi un organo bio-stampato completo semplicemente premendo il pulsante della stampante”.